Menu

Agenda di ricerca

La Alpha-1 Foundation ha dedicato tempo e risorse considerevoli all’elaborazione di un’agenda di ricerca realistica e rilevante. Il processo è iniziato a livello di programmazione strategica, esercizio formalizzato che la Fondazione ha condotto a termine nel 2000. Questa valutazione globale dei programmi e delle attività di ricerca della Fondazione ha visto il contributo sia della rete di ricerca AAT già esistente sia di un’ampia gamma di associazioni, organizzazioni ed esperti. Al processo di programmazione strategica hanno preso parte gruppi di pianificazione tematica, scienziati, rappresentanti governativi dei National Institutes of Health e della Food and Drugs Administration e commenti scritti del Center for Disease Control, con contributi da altre Agenzie di Volontariato attive in campo sanitario e rappresentate nel National Health Council (Consiglio nazionale della sanità) degli Stati Uniti. Nelle numerose riunioni di programmazione strategica, sono stati identificati i temi principali su cui concentrare le ricerche, insieme alle lacune nelle conoscenze scientifiche che dovevano essere affrontate con ulteriori ricerche.

Il secondo stadio dell’elaborazione dell’agenda di ricerca ha visto il coinvolgimento del Comitato consultivo medico e scientifico (MASAC) della Alpha-1 Foundation, principale organo consultivo medico della Fondazione, per la valutazione a cadenza regolare (annuale) delle aree di ricerca identificate nel processo di programmazione strategica. Nel 2001 è stato nominato dal MASAC un apposito comitato, con il compito di effettuare un'accurata revisione dei temi centrali di ricerca individuati nel processo di programmazione strategica, e di situare queste raccomandazioni nel contesto di ciò che è passibile di realizzazione in termini scientifici con le attuali capacità e tecnologie. Il comitato ha elaborato l’agenda di ricerca di seguito riportata, che serve da base di lavoro utilizzata dal programma di concessione dei sussidi per porre in ordine di priorità la rilevanza delle richieste di finanziamento rispetto alle finalità complessive della Fondazione nel campo della ricerca. L’uso del piano strategico e dell’agenda di ricerca per la valutazione delle richieste di sussidio è solo uno degli utilizzi previsti del documento che dettaglia l’agenda di ricerca. Esso è stato inoltre usato per identificare gli argomenti più rilevanti cui dedicare i workshop sulle questioni di importanza critica.

Agenda.

Ricerca di base: identificazione di obiettivi e sviluppo di approcci terapeutici

  • Biologia molecolare dell’espressione di alfa-1 antitripsina (AAT)
    • Meccanismi di sintesi, ripiegamento e secrezione di AAT
    • Patologia molecolare dell’espressione del gene Z dell’AAT
    • Sviluppo di un modello animale con deficit di AAT
  • Ricerca centrata sul polmone
    • Determinanti di crescita, ricambio cellulare, mantenimento e rigenerazione polmonare
    • Meccanismi di distruzione tissutale, risposta a lesione, e infiammazione
  • Ricerca centrata sul fegato
    • Determinanti di crescita, ricambio cellulare, mantenimento e rigenerazione del fegato
    • Meccanismo di tossicità epatocellulare e danno epatico
  • Sviluppi tecnologici
    • Trapianto di epatociti
    • Terapia genica: di miglioramento, sostituzione, estinzione e riparo
    • Cellule staminali: isolamento, riparazione e sostituzione
    • Piccole molecole ad attività antiproteasica
    • Screening ad alta resa di librerie di piccole molecole

Ricerca clinica: identificazione degli Alfa, e definizione della storia naturale del Deficit di AAT

  • Epidemiologia del Deficit di AAT
    • Individuazione mirata dei difetti dei geni AAT
    • Screening alla popolazione per difetti dei geni AAT
    • Approcci volti a promuovere l’esecuzione di esami annuali di funzionalità polmonare nell’ambito della medicina primaria o di comunità
    • Definizione del rischio di manifestazioni cliniche in portatori eterozigoti
  • Geni modificatori che influiscono su polmoni e fegato negli individui con deficit di AAT
  • Ruolo dell’infiammazione nella patogenesi della malattia polmonare AAT
  • Istituzione di efficaci misure di esito clinico nel deficit di AAT
    • Tomografia computerizzata quantitativa per la valutazione della progressione della malattia polmonare
    • Biomarcatori di malattia polmonare o epatica precoce o di aggravamento della malattia
  • Qualità della vita, grado di utilizzo dei trattamenti sanitari e gestione dei sintomi
  • Modificatori ambientali della malattia polmonare ed epatica negli individui con deficit di AAT
  • Manifestazioni cliniche del Deficit di AAT in organi diversi da polmoni e fegato

Ricerca traslazionale: valutazione di approcci terapeutici innovativi

  • Terapia di sostituzione con Alfa-1 antitripsina
    • Sviluppo di aerosolterapia con AAT
    • Determinazione dell’utilità della terapia con AAT nei pazienti che ricevono trapianto polmonare
    • Terapia di potenziamento post-trapianto polmonare
  • Miglioramento degli esiti nei pazienti che ricevono trapianto polmonare o epatico
  • Trattamento dell’iperinflazione polmonare
  • Terapia anti-infiammatoria
  • Terapia antiproteasica con piccole molecole
  • Terapia genica
    • Terapia di sostituzione genica
    • Incremento dell’espressione di AAT
  • Terapia con chaperones farmacologici

Ricerca sugli aspetti etici, sociali e legali: eliminazione delle barriere per gli Alfa

  • Esame/screening dei neonati
  • Individuazione mirata
  • Dimensione sociale del deficit di AAT
  • Equa distribuzione delle terapie mediche